Passione Honda On-Off

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

Autore Topic: Honda Crosstourer, enduro al cubo  (Letto 469 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Murdock

  • Socio VCI/TCI
  • Direttivo Club
  • Sr. Member
  • *
  • Gradimento del post: +99/-27
  • Offline Offline
  • Post: 13576
  • Anno immatricolazione: 02/2019
  • Città: Rimini
  • Km: Sempre pochi
  • Moto in uso: CRF1000L 2019 ADVENTURE SPORT HRC COLOR
  • SOCIO - CONSIGLIERE VCI - TCI
    • http://www.varaderoclubitalia.it/club/index.php
Honda Crosstourer, enduro al cubo
« il: 25 Febbraio 2012, 15:13 »

http://motori.corriere.it/motori/dueruote/12_febbraio_24/honda-crosstourer-prova_781d2a1a-5ef3-11e1-9f4b-893d7a56e4a4.shtml

Motore 1.200 da 129 cavalli, cambio a doppia frizione si guida con semplicità nonostante il peso. Costa 14.200 euro

TARRAGONA- La definiscono crossover, ma in realtà è una opulenta moto da turismo prevalentemente stradale capace di non disdegnare strade bianche e sterrati leggeri. Si chiama Crosstourer e con lei Honda torna di forza nel segmento delle maxi enduro stradali con un progetto inedito e innovativo sotto vari punti di vista. Pensata per sfidare giganti da viaggio quali Bmw e Yamaha, anche la Crosstourer ha la sua bella trasmissione a cardano, ruote a raggi con cerchio anteriore da 19", tanto spazio per il passeggero e la possibilità – pagando – di montare le classiche tre borse da viaggio.

La prova della Honda Crosstourer
                     
QUATTRO CILINDRI A V- La sua diversità però è evidente dal punto di vista tecnico: il motore è un V4 da 1237cc concettualmente affine a quello della MotoGP, ha 129cv e ben 126 Nm di coppia, il telaio è perimetrale in alluminio. Ma soprattutto la Crosstourer, che ha anche Abs con frenata combinata e controllo di trazione, può essere equipaggiata con il cambio automatico-sequenziale DCT a doppia frizione con controllo elettronico adattivo e possibilità di utilizzo manuale. Significa che la moto, quando il pilota utilizza il sistema in automatico, riesce a interpretare lo stile di guida del pilota, adattando la velocità di risposta del cambio e le marce utilizzate al tipo di percorso e alla velocità del veicolo. Non manca poi «l’autoritorno» ovvero la funzione che in caso di cambiate manuali (tramite i comodi pulsanti sul manubrio, per esempio per scalare prima di una curva) seguite da un periodo di inattività dei pulsanti per la cambiata, riporta automaticamente il sistema in modalità automatica senza l’intervento di chi guida. Su strada la prima sensazione in sella alla Crosstourer – facile da manovrare anche per chi non è un gigante – è di grande stabilità.

FACILE E INTUITIVA-La guida è inconfondibilmente Honda, facile e intuitiva da subito, e anche i cambi di direzione appaiono piuttosto rapidi, considerando la tipologia e la mole del veicolo (275 chili, 10 in più con cambio DCT). Le vibrazioni sono minime anche ai regimi più alti, e il cupolino di serie offre una discreta protezione, anche se per piloti di statura elevata è consigliabile il parabrezza alto (+14cm) disponibile come optional. Nella versione con cambio meccanico (con frizione e pedale, per intenderci) la moto appare anche grintosa e divertente, e il motore mostra subito le sue doti di brillantezza e potenza. Ma è la versione automatica con cambio DCT ad impressionare, nonostante l’iniziale scetticismo: decisamente fluida ed estremamente rapida nelle cambiate anche in Drive, la Crosstourer è una valida compagna di viaggio anche fra i tornanti di montagna.

CON SPORT CAMBIA TUTTO-In modalità Sport poi le cambiate si fanno più veloci e avvengono a regimi di rotazione più elevati per una guida più decisa, situazione in cui la moto ha mostrato una ciclistica precisa e sincera, trasmettendo al pilota sempre un ottimo feeling pur con qualche limite in termini di agilità e di capacità di assorbimento delle sospensioni. Il cambio automatico è in grado di assecondare adeguatamente il pilota soprattutto nella gestione del motore, che risulta quindi sempre pronto ai comandi del gas e con la marcia giusta in ogni condizione, cosa che permette di avere un buon inserimento in curva e un apprezzabile brio in uscita dalle curve lente, dove il motore mostra tutte le sue doti di coppia – molto consistente già a 2000 giri – potenza e allungo, utili a viaggiare molto forte anche a moto carica. Con una lunga lista di optional, tra cui il kit valigie senza attacchi a vista, il parabrezza maggiorato, le manopole riscaldabili e il cavalletto centrale, la Crosstourer è già disponibile nelle concessionarie ad un prezzo di 14.200 euro (1000 euro in più per la versione con cambio automatico DCT).
Connesso
Mirco
Rimini
--------------------