Passione Honda On-Off

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

Autore Topic: Honda Crosstourer, la moto che si adatta allo stile di guida  (Letto 521 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Murdock

  • Socio VCI/TCI
  • Direttivo Club
  • Sr. Member
  • *
  • Gradimento del post: +99/-27
  • Offline Offline
  • Post: 13583
  • Anno immatricolazione: 02/2019
  • Città: Rimini
  • Km: Sempre pochi
  • Moto in uso: CRF1000L 2019 ADVENTURE SPORT HRC COLOR
  • SOCIO - CONSIGLIERE VCI - TCI
    • http://www.varaderoclubitalia.it/club/index.php

http://archiviostorico.corriere.it/2012/marzo/05/Honda_Crosstourer_moto_che_adatta_co_9_120305056.shtml

MILANO - Che sia stata progettata e realizzata per dare (molto) fastidio a sua maestà Gs è fuor di dubbio. Ma giudicare la nuova Honda Crosstourer (14.200 euro) solo in questa prospettiva non sarebbe corretto e forse anche un po' ingeneroso. Sì, perché quella che gli uomini del marketing della casa giapponese definiscono come crossover, si presenta con le sembianze e le misure vitali delle maxienduro, ma in realtà da questa tipologia di moto si differenzia nettamente, per carica innovativa, contenuti tecnici e caratteristiche dinamiche. Il cuore del progetto è il motore quattro cilindri a V da 1237 centimetri cubici, che eroga 129 cavalli e 126 Newton/metro di coppia massima. Derivato in linea concettuale dalle unità utilizzate da Honda in MotoGp, questo propulsore porta al debutto la seconda generazione del raffinato cambio automatico-sequenziale DCT, esclusiva chicca tecnologica che riesce a «leggere» lo stile di guida del pilota e le caratteristiche del tracciato scegliendo di conseguenza le marce utilizzate e la velocità del loro innesto, lasciando comunque al pilota la possibilità di utilizzare il sistema in modalità manuale tramite i pulsanti sul manubrio (che ora integrano anche l' «autoritorno», funzione che a seguito di inattività prolungata dei tasti per la cambiata, riporta automaticamente il sistema in modalità automatica senza l' intervento di chi guida). Costa mille euro, ma conferisce alla Crosstourer un carattere unico, e soprattutto funziona molto bene in tutte le situazioni, tanto nella guida rilassata quanto in mezzo alle curve affrontate col coltello fra i denti. In questa situazione si apprezzano anche la facilità - tipicamente Honda - con cui la V4 giapponese si lascia condurre, la sincerità dell' avantreno e la relativa facilità con cui la moto cambia direzione, che viene meno solo quando si cerca di farle interpretare forzatamente un ruolo non suo, quello della moto sportiva. Decisamente validi anche freni - caratterizzati dalla presenza di serie di Abs e sistema di frenata integrale - e capacità di trazione. In relazione a quest' ultima si apprezza il funzionamento del controllo di trazione, che fa parte della dotazione base (insieme a parabrezza regolabile, cerchi a raggi e frizione anti-saltellamento) e riesce a tenere a bada la portentosa erogazione del motore che spara fuori dalle curve i 275 chili (in ordine di marcia) della Crosstourer sempre con veemenza, anche quando il regime di rotazione è basso. Ma la crossover giapponese in realtà ha velleità diverse, più orientate al turismo ad ampio spettro, cosa in cui riesce senza dubbio ad eccellere. Nei lunghi trasferimenti ci si sente comodi, protetti e coccolati come sulle grosse tourer stradali. Stefano Bargiggia RIPRODUZIONE RISERVATA **** La scheda ALTEZZA SELLA 85 cm MOTORE Quattro cilindri a V, 1.237 cc, 129 cv, iniez. elettr. CAMBIO A sei marce PESO 275 kg in ordine di marcia OPTIONAL kit valigie, manopole riscaldate cavalletto centrale PREZZIDa 14.200 euro
Connesso
Mirco
Rimini
--------------------