Passione Honda On-Off

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

Autore Topic: Suzuki Vstrom 1000  (Letto 16389 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

sicanos

  • Full Member
  • ***
  • Gradimento del post: +73/-94
  • Offline Offline
  • Post: 2731
  • Anno immatricolazione: 2006
  • Città: Roma
  • Km: 93.000
  • Moto in uso: honda varadero 1000 MY2006
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #30 il: 12 Luglio 2013, 09:49 »

l'estetica e' decisamente migliore della "vecchia" Vstrom, il motore era gia ottimo prima per cui immagino sara' ulteriormente migliorato. Devo dire che mi piace e se il prezzo sara' "onesto" si potrebbe farci un pensierino

remo-k-williams

  • Jr. Member
  • **
  • Gradimento del post: +29/-16
  • Offline Offline
  • Post: 1816
  • Anno immatricolazione: 1989, 1994, 2008
  • Città: modena
  • Km: tanti direi ma non quanti vorrei...
  • Moto in uso: AT650, DR350, K990 ADV
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #31 il: 12 Luglio 2013, 12:29 »

Verrà presentata all'EICMA a novembre, Remo!

 fiori

Infatti sigh.... :TRtriste:
Connesso

remo-k-williams

  • Jr. Member
  • **
  • Gradimento del post: +29/-16
  • Offline Offline
  • Post: 1816
  • Anno immatricolazione: 1989, 1994, 2008
  • Città: modena
  • Km: tanti direi ma non quanti vorrei...
  • Moto in uso: AT650, DR350, K990 ADV
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #32 il: 12 Luglio 2013, 12:30 »

Come per le Tiger, anche questa quella sorta di telaietto posteriore stile mukka gs che senza valigie fa ca@@re  :shit: :shit: :shit: :shit: :shit: :shit: :shit:
pero' qui le pedane post sembrano imbullonate e non saldate!!! :wtg: :wtg: :wtg:
Connesso

Murdock

  • Socio VCI/TCI
  • Direttivo Club
  • Sr. Member
  • *
  • Gradimento del post: +99/-27
  • Offline Offline
  • Post: 13583
  • Anno immatricolazione: 02/2019
  • Città: Rimini
  • Km: Sempre pochi
  • Moto in uso: CRF1000L 2019 ADVENTURE SPORT HRC COLOR
  • SOCIO - CONSIGLIERE VCI - TCI
    • http://www.varaderoclubitalia.it/club/index.php
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #33 il: 12 Luglio 2013, 12:37 »

Come per le Tiger, anche questa quella sorta di telaietto posteriore stile mukka gs che senza valigie fa ca@@re  :shit: :shit: :shit: :shit: :shit: :shit: :shit:
pero' qui le pedane post sembrano imbullonate e non saldate!!! :wtg: :wtg: :wtg:

Verissimo, e si vede una bella forca rovesciata, e un bell'impianto frenante all'avantreno  :wtg: :wtg:
Connesso
Mirco
Rimini
--------------------

vara2000

  • Jr. Member
  • **
  • Gradimento del post: +8/-3
  • Offline Offline
  • Post: 684
  • Anno immatricolazione: 2011
  • Città: Catanzaro Lido
  • Km: 57000
  • Moto in uso: Yamaha Supertenere 1200
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #34 il: 13 Luglio 2013, 18:53 »

Si, tutto quello che volete... ma, anche a voler essere anticonformista come siamo tutti i possessori di Varadero, questa è veramente brutta, la vista frontale e laterale dell'insieme faro-cupolino fa veramente...  :shit: se solo la facessero più "aggraziata" avrebbe qualche speranza di competere sul mercato. Mi è sembrato di capire che la stanno testando in europa, a meno che l'auto con targa europea nella foto non si trovi in Giappone  scratch scratch scratch a questo punto potevano farla disegnare da un centro stile europeo.
Connesso
Le mie moto del passato e non: Vespa T5 125 '86 (dal 1988-1990), Gilera ER 125 (dal 1990-1993), Honda Dominator 650 '90 (dal 1993-1995), BMW F650 (dal 1995-1997

Giovannino

  • Consigliere VCI
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *
  • Gradimento del post: +2052/-13
  • Offline Offline
  • Post: 5699
  • Anno immatricolazione: 2001
  • Città: Castelbuono (PA)
  • Km: 189.000 km
  • Moto in uso: Honda Varadero XL1000V
  • L'unica Honda è la Varadero!
    • Facebook
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #35 il: 13 Luglio 2013, 19:08 »

a me piace molto.


Ma del resto tutte le moto giapponesi prodotte fino a 10 anni fa, erano pensate in Giappone per tutto il mondo. Se non sbaglio è soltanto Honda ad avere un centro stile in Europa e, onestamente, non è che ne tragga chissà quale profitto...


Vedremo.


 fiori
Connesso
A presto,
Giovannino
Frascati (RM)
---------------------------------------------

Toro65

  • Full Member
  • ***
  • Gradimento del post: +58/-30
  • Offline Offline
  • Post: 4259
  • Anno immatricolazione: 2011
  • Città: Perugia
  • Km: 55.000
  • Moto in uso: BMW R 1200 RT
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #36 il: 18 Luglio 2013, 14:26 »

La V-Strom 1000 definitiva è in arrivo e non dovrebbe essere molto lontana nel design dalla maquette mostrata lo scorso anno al Salone di Milano. Intanto, si continuano i collaudi anche in Europa per verificarla in differenti condizioni ambientale e magari per farla vedere ai più attenti motociclisti di passaggio (guardate nella gallery le foto pubblicate da www.motorcyclistonline.com). Ricordiamo le linee tecniche essenziali come il posizionamento a V longitudinale di 90° dei cilindri che seguono lo schema della vecchia V-Strom, la distribuzione bialbero, il cambio a sei rapporti e trasmissione finale a catena. Avrà il controllo di trazione e probabilmente sarà gestibile anche nelle mappature di elettronica, con una erogazione più dolce rispetto alle 1200 odierne. La prima V-Strom aveva quasi 100 CV e oggi dovrebbero averne leggermente di più dopo la revisione della gestione elettronica e della distribuzione. Il telaio è in lega leggera a doppio trave laterale e le ruote in lega sono da 19 pollici davanti e da 17 dietro.
Connesso

Giovannino

  • Consigliere VCI
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *
  • Gradimento del post: +2052/-13
  • Offline Offline
  • Post: 5699
  • Anno immatricolazione: 2001
  • Città: Castelbuono (PA)
  • Km: 189.000 km
  • Moto in uso: Honda Varadero XL1000V
  • L'unica Honda è la Varadero!
    • Facebook
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #37 il: 07 Agosto 2013, 16:56 »

Da http://www.omnimoto.it/magazine/12200/suzuki-v-strom-1000-intervista-a-teppei-eguchi-design-2013-2014




Vista per la prima volta a Intermot 2012, sotto forma di concept, la Suzuki V-Strom 1000, si appresta ad aggredire il mercato. Ancora non si sa se arriverà prima di EICMA 2013, ma la Casa di Hamamatsu continua a creare aspettativa. Questa volta, il “bocconcino” per continuare ad aumentare l’attesa, è un’interessante intervista video al Layout Designer, Mr. Teppei Equichi.Ci può raccontare qualcosa di lei e del suo ruolo all’interno del progetto V-Strom1000?“Ho iniziato a lavorare in Suzuki nel 2003. Dopo una prima esperienza come designer delle sospensioni, sono stato chiamato in causa per occuparmi del design e della progettazione del telaio. Nello specifico, per la V-Strom1000, il mio ruolo riguarda proprio il design del telaio e di altri componenti nella loro prima fase di sviluppo. Nell’ambito motociclistico privato, ho una Bandit 250, una TL1000S e anche una DR-Z400SM che guido da più di 8 anni”.Il “Layout Designer” è un lavoro poco conosciuto. Quali sono le sue principali mansioni?“In poche parole il mio compito è quello di trasformare le bozze grafiche dei designer e i requisiti prestazionali del Product Planner in un prodotto concreto. Rispetto alla realizzazione del design automobilistico, quello motociclistico è sicuramente più complesso perché la stesura del layout e dei disegni stilistici devono fin da subito essere connessi alla funzionalità. Ad esempio il serbatoio è un elemento fondamentale per il design di una motocicletta. Da un lato deve essere in grado di contenere una certa capacità di carburante, dall’altro bisogna tener conto anche della scatola filtro aria posta sotto il serbatoio, la cui capacità è direttamente legata alle performance del motore. Più la capacità di questi due contenitori è maggiore meglio è, ma bisogna anche tenere in considerazione le dimensioni del serbatoio, sia per un discorso estetico sia per il comfort del pilota. Inoltre la dimensione di queste componenti cambierà il centro di gravità dell’intera moto modificandone la manovrabilità. Questo è solo un esempio per far capire come ogni parte sia composta da diversi elementi che si influenzano a vicenda. Penso che il lavoro legato al design del layout di una moto sia una parte davvero importante per la realizzazione di una moto”.Come “comunica” con i designer e gli ingegneri?“Credo che la comunicazione tra designer e ingegneri sia molto importante. Per realizzare un prodotto esteticamente piacevole e dalle elevate performance, gli ingegneri devono comprendere correttamente il concept style, mentre i designer devono capire bene i requisiti ingegneristici. E’ necessario rispettarsi a vicenda in modo equilibrato per procedere in maniera positiva nel progetto. Ho discusso a lungo e costantemente con lo Styling Designer per mettere in relazione i dati tecnici con i bozzetti grafici. In realtà ho legato molto con Mr. Murakami, che è un mio coetaneo e un amico anche al di fuori del lavoro. Entrambi siamo entusiasti di lavorare insieme a questo grande progetto; spesso ci siamo trovati a discutere di lavoro fino a tarda notte per migliorare sia l’aspetto estetico sia quello funzionale della moto. Agli altri ingegneri ho chiesto di proporre i requisiti tecnici di ogni singola parte per poi collegarli al layout generale della moto. In alcuni casi è stato necessario rivedere alcune proposte per avvicinarci, passo dopo passo, al miglior design possibile. Con questo continuo scambio comunicativo tra designer e ingegneri abbiamo lavorato sulla realizzazione del modello di argilla”.Ci può raccontare qualcosa a riguardo dell’indagine svolta in Europa e della sua esperienza di guida sulle strade europee?“Mi ritengo davvero fortunato ad aver avuto la possibilità di guidare sulle strade europee e di vivere l’esperienza di guida tra i piloti europei. Abbiamo guidato sulle autostrade, attraversando le Alpi su strade tortuose nei confini tra i diversi Paesi, dove abbiamo potuto vedere dal vivo il reale utilizzo delle moto da parte dei motociclisti. Da questa esperienza abbiamo meglio capito quanto il comfort di guida e la stabilità siano importanti in autostrada. Se si è già stanchi dalla guida in autostrada di certo non si può apprezzare la guida in strade più tortuose. Inoltre abbiamo visto l’alta percentuale di persone che fanno della moto un utilizzo touring, montando spesso tre bauletti. Queste sono state considerazioni importanti nel processo decisionale per il design e il “carattere” della V-Strom 1000”.Potrebbe spiegarci meglio gli obiettivi e le idee che stanno dietro alla ciclistica ed al design della moto?“Come ho già detto, la stabilità in autostrada, il comfort e la possibilità di accessoriare la moto con tre bauletti sono fattori di estrema importanza per progettare una moto adatta a percorrere lunghe distanze. Tuttavia non si può solo pensare alla stabilità e al comfort altrimenti la moto sarebbe molto grossa ed ingombrante. Abbiamo pensato che l’identità della nuova V-Strom1000 si sarebbe dovuta formare proprio su questi elementi caratterizzanti. Qual è la vera identità della V-Strom? Contemporaneamente divertente da guidare nelle strade più tortuose, ma anche maneggevole e confortevole nell’uso quotidiano. Crediamo che la versatilità e la sportività siano le identità della V-Strom. Proprio per garantire il comfort di marcia, le prestazioni, la versatilità e il divertimento di guida, abbiamo rivisto diversi aspetti come le dimensioni, compreso il layout del motore, l’interasse, la rigidità del telaio e la posizione di guida”.Qual è il suo giudizio finale sul progetto V-Strom?“La mia priorità è quella di realizzare una moto divertente. Come pilota, si può godere di una guida piacevole sulle strade più tortuose, mentre la guida risulta confortevole in autostrada. La mia seconda priorità è ridurre il peso. Il peso ridotto è sempre uno dei pilastri per la realizzazione di una moto. Soprattutto per una persona non molto alta come me, avere una moto dal peso ridotto significa avere una moto più maneggevole. Prima di questo progetto, la mia preferenza era guidare una moto sportiva in circuiti chiusi. Mi sono divertito a guidare nei lunghi viaggi, ma la mie priorità sono state comunque le performance e la sportività. Tuttavia dopo la mia esperienza sulle strade delle Alpi, la mia percezione della moto e il mio modo di pensare sono stati ampliati. Mi sono letteralmente innamorato delle moto touring. Ho lavorato sodo per realizzare la mia moto dei sogni”.Che tipo di pilota vorrebbe provasse questa moto?“E’ la moto ideale per i piloti esigenti come me che amano la guida sportiva senza rinunciare al comfort e alla funzionalità tipiche di una moto touring. Vorrei che questo tipo di pilota provasse la nuova V-Strom 1000 sia nell’utilizzo quotidiano sia nelle lunghe percorrenze. Sono sicuro che vi piacerà!”.
Connesso
A presto,
Giovannino
Frascati (RM)
---------------------------------------------

Giovannino

  • Consigliere VCI
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *
  • Gradimento del post: +2052/-13
  • Offline Offline
  • Post: 5699
  • Anno immatricolazione: 2001
  • Città: Castelbuono (PA)
  • Km: 189.000 km
  • Moto in uso: Honda Varadero XL1000V
  • L'unica Honda è la Varadero!
    • Facebook
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #38 il: 20 Settembre 2013, 23:39 »

Connesso
A presto,
Giovannino
Frascati (RM)
---------------------------------------------

Giovannino

  • Consigliere VCI
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *
  • Gradimento del post: +2052/-13
  • Offline Offline
  • Post: 5699
  • Anno immatricolazione: 2001
  • Città: Castelbuono (PA)
  • Km: 189.000 km
  • Moto in uso: Honda Varadero XL1000V
  • L'unica Honda è la Varadero!
    • Facebook
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #39 il: 20 Settembre 2013, 23:42 »





Connesso
A presto,
Giovannino
Frascati (RM)
---------------------------------------------

Giovannino

  • Consigliere VCI
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *
  • Gradimento del post: +2052/-13
  • Offline Offline
  • Post: 5699
  • Anno immatricolazione: 2001
  • Città: Castelbuono (PA)
  • Km: 189.000 km
  • Moto in uso: Honda Varadero XL1000V
  • L'unica Honda è la Varadero!
    • Facebook
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #40 il: 20 Settembre 2013, 23:44 »

Interessante davvero: http://scoprivstrom1000.suzuki.it/




 fiori
Connesso
A presto,
Giovannino
Frascati (RM)
---------------------------------------------

bart

  • Socio VCI/TCI
  • Moderatore
  • Jr. Member
  • *
  • Gradimento del post: +20/-5
  • Offline Offline
  • Post: 1186
  • Città: Rimini
  • Moto in uso: Suzuki Vstrom DL1000
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #41 il: 22 Settembre 2013, 12:06 »

Ci siamo: http://www.suzuki-vstrom.com/it/index.html

http://www.moto.it/news/suzuki-v-strom-1000-abs-2014-debutto-a-mans.html

Le Mans (Francia) - La 24 Ore di Le Mans è il palcoscenico scelto dalla Suzuki per presentare due importanti novità della prossima stagione: il Burgman 200 e la maxi enduro V-Strom 1000. La mitica gara di endurance francese non è certo un caso, qui la Casa giapponese si è imposta 12 volte negli ultimi 30 anni con il leggendario team SERT.
A tre ore dal via (purtroppo sfortunato per la GSX-R in gara, caduta nel corso del terzo giro) è iniziata la conferenza stampa di lancio delle moto. La V-Strom 1000 è stata la grande protagonista, a lei spetta infatti il compito di riportare in alto il brand Suzuki tra le maxi enduro.

Ispirata alla DR BIG del 1988
I progettisti giapponesi si sono ispirati alla imponente DR-Z che corse la Dakar nel 1988 e da cui derivò la prima DR BIG. Ecco spiegato il grande serbatoio da 20 litri e il becco anteriore, corto e largo (diverso tanto per capirci subito da quello della BMW GS).
La V-Strom 1000 ABS è chiamata a prendere il posto che fu della V-Strom 1000 presentata nel 2002 e rinnovata nel 2007. Si affiancherà quindi alla sorellina V-Strom 650 profondamente rivista nel 2012, che ancora oggi vanta la leadership europea nel mercato delle enduro stradali con cilindrata fino a 800 cc.
Finalmente Suzuki ha deciso di tornare a investire nella famiglia delle endurone, che sino a oggi le ha portato la bellezza di 194.500 clienti nel mondo (per la sola gamma V-Strom).
In Giappone hanno lavorato sugli aspetti che la clientela della precedente versione ha indicato al fine di migliorare l'agilità nel misto e la trattabilità del motore ai bassi regimi, di ridurre il peso e i consumi.

Un progetto tutto nuovo
Il risultato è una moto tutta nuova, a partire dal motore. Cresce la cilindrata (da 996 a 1037 cc grazie all'alesaggio portato a 100 mm, invariata la corsa di 66 mm), i cavalli sono ora 100 a 8.000 giri (prima 96 a 7.600), la coppia sale a 103 Nm a soli 4.000 giri (prima 101 a 6.400). Scende il peso, che oggi fa della V-Strom 1000 una delle maxi più leggere (a livello di KTM Adventure 1190 e Ducati Multistrada, per fare esempi immediati): pesa 228 kg col pieno di 20 litri e tutti i liquidi (pesava prima 236 kg).
Il bicilindrico a L di 90 gradi è tutto nuovo e grazie agli attriti minori e alla nuova gestione elettronica consuma il 16% in meno. E' dichiarata una media di 20,9 km/l (contro i 18 km/l del modello 2007).
Anche il raffreddamento è più efficiente e ha permesso di eliminare il radiatore dell'olio. Rivista pure la frizione idraulica, ora con antisaltellamento, mentre al cambio è riservata una sesta marcia più lunga. Lo scarico singolo ospita il catalizzatore.

Ad Akira Kyuji (general manager di Suzuki in America e Oceania) abbiamo chiesto perché hanno scelto di limitare la potenza a 100 cavalli. Ecco la sua risposta di forte buon senso, chissà che altri non lo seguano: "Per viaggiare su strada 100 cavalli bastano e avanzano. Quello che fa davvero la differenza è la coppia ai bassi e medi regimi, e con la nostra V-Strom 1000 ABS crediamo di avere trovato il miglior funzionamento tra le maxi enduro. La potenza agli alti è poi più che sufficiente".
 
Più sicura con ABS e TCS di serie
La V-Strom 1000 ABS offre di serie l'ABS Bosch che sfrutta pinze Tokico ad attacco radiale con 4 pistoncini e dischi da 310 mm (dietro c'è un disco da 260 mm).
Sempre di serie c'è l'inedito controllo di trazione TCS, che è escludibile o settabile su due livelli (1 più permissivo, 2 con controllo più immediato dello slittamento). L'ABS, come da prassi nipponica in materia, non può essere escluso. I cerchi sono in lega a 10 razze (da 19" davanti e 17 dietro, con pneumatici Bridgestone).
La forcella è una Kayaba a steli rovesciati da 43 mm completamente regolabile; il mono ammortizzatore ha la regolazione dell'estensione e del precarico col pomello remoto (20 click).
Confermato lo schema del telaio, ancora a doppio trave in alluminio, ma più rigido del 33% e leggero del 13%. Il forcellone, sempre in alluminio, è più lungo e porta l'interasse a 1.555 mm (1.535 prima).

Dotazione e prezzo
La V-Strom 1000 ABS si presenta ben rifinita e molto compatta nelle dimensioni. La dotazione di serie è completa. Oltre ad ABS e TCS, c'è il parabrezza regolabile (nell'angolo di apertura e nell'altezza). Un cenno merita anche la strumentazione, che impiega un quadrante analogico per i giri del motore e uno digitale per la velocità; l'altro display digitale offre tutte le informazioni utili in viaggio (consumi, marcia inserita, 2 trip, temperatura esterna). Optional troviamo le 3 borse studiate apposta per lei, con attacchi integrati nella moto. I colori disponibili sono 4: nero, bianco, rosso e kaki.
Il prezzo sarà comunicato all'EICMA, ma possiamo anticiparvi sin d'ora che in Francia costerà tra i 12 e i 13.000 euro.
Connesso

Giovannino

  • Consigliere VCI
  • Amministratore
  • Hero Member
  • *
  • Gradimento del post: +2052/-13
  • Offline Offline
  • Post: 5699
  • Anno immatricolazione: 2001
  • Città: Castelbuono (PA)
  • Km: 189.000 km
  • Moto in uso: Honda Varadero XL1000V
  • L'unica Honda è la Varadero!
    • Facebook
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #42 il: 22 Settembre 2013, 13:32 »

Grazie bart, mi hai anticipato! :)
E allora rilancio con questo: http://www.insella.it/news/suzuki-v-strom-1000-prezzo-foto-dati-tecnici


 fiori
Connesso
A presto,
Giovannino
Frascati (RM)
---------------------------------------------

Rosso

  • Full Member
  • ***
  • Gradimento del post: +51/-10
  • Offline Offline
  • Post: 2075
  • Città: Verona
  • Moto in uso: Kawasaki GTR1400, Suzuki XF650
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #43 il: 22 Settembre 2013, 13:59 »

Sarà sicuramente una moto "di sostanza", come spesso si rivelano essere le Suzuki.
Mi lascia perplesso quel filtro dell'olio così esposto e quel tratto di catena scoperto vicino alla pedana del passeggero.
Spero inoltre che GiVi si ingegni con qualche borsa laterale delle sue, perchè quelle che ho visto finora in foto mi sono parse piccole (sopratutto quella lato silenziatore) ed esteticamente raccapriccianti!!!
Immagino quindi che dopo un primo lotto in uscita, vengano forniti una serie di accessori aftermarket "ad Hoc".
Connesso
La mia moto mediamente, beve un litro ogni 18 Km.
..."Mediamente" anch'io...

bart

  • Socio VCI/TCI
  • Moderatore
  • Jr. Member
  • *
  • Gradimento del post: +20/-5
  • Offline Offline
  • Post: 1186
  • Città: Rimini
  • Moto in uso: Suzuki Vstrom DL1000
Re:Suzuki Vstrom 1000
« Risposta #44 il: 22 Settembre 2013, 18:03 »

Grazie bart, mi hai anticipato! :)
E allora rilancio con questo: http://www.insella.it/news/suzuki-v-strom-1000-prezzo-foto-dati-tecnici


 fiori
Figurati!!! Finalmente le prime foto ufficiali!
Connesso
Pagine: 1 2 [3] 4 5 ... 13   Vai su